Niðurhal
plerrani

Heildar hækkun

7 m

Styrkleiki

Miðlungs

niður á móti

7 m

Max elevation

78 m

Trailrank

62

Min elevation

-13 m

Trail type

Loop

Moving time

3 klukkustundir 16 mínútur

Tími

3 klukkustundir 35 mínútur

Hnit

3058

Uploaded

27. mars 2021

Recorded

mars 2021
Be the first to clap
Share
-
-
78 m
-13 m
17,96 km

Skoðað 58sinnum, niðurhalað 1 sinni

nálægt Castiglione di Ravenna, Emilia-Romagna (Italia)

Il Savio è a mio parere il più bello dei cinque fiumi (il Bevano non conta) che circondano Ravenna. Il modo con cui si muove sinuoso lo fa sembrare accarezzare le sponde prima una poi l'altra.
Il tratto esaminato è molto interessante, non è più un torrente, ma è ancora abbastanza lontano dalla foce.
Il cammino è estremamente sicuro, si svolge tutto sugli argini. La prima parte è un sentiero pedonale, nella seconda e terza si segue la Ciclovia del Savio, splendida pista ciclabile lungo l'argine destro. Poi in finale si entra in paese.
Quasi tutto allo scoperto, non consigliato d'estate anche se vicini al fiume.
Completamente pianeggiante. La meta è il Bosco del Duca d'Altemps ma le chiese del posto e il Palazzo Grossi meritano tutto il viaggio
Gróður

Sentiero sull'argine sinistro

Á

Fiume Savio

La ricca vegetazione lo copre
Á

Fiume Savio

Una delle tante anse
Dýralíf

Oche

Un bel gruppo di oche mi saluta
Fallegt útsýni

Sentiero e campi di grano verdeggianti

Foss

Chiusa di Cannuzzo

Si può scendere e vederla da vicino
Brú

Ponte fra Cannuzzo e Matellica

Siamo in un punto geografico particolare. Si incontrano i comuni di Ravenna, Cervia, Cesena Bertinoro e Forlì
Almenningsgarður

Parco fluviale di Cannuzzo

Dedicato a Tolmino Baldassari che ha impreziosito le panchine con le sue poesie. Il parco è molto ben disposto
Minnisvarði

Parco fluviale di Cannuzzo

Una delle panchine
Minnisvarði

Parco fluviale di Cannuzzo

La seconda panchina
Minnisvarði

Parco fluviale di Cannuzzo

La terza panchina
Upplýsingapunktur

Punto informativo Ciclovia

Punto di accesso al Parco e alla Ciclovia del Savio
Helgur staður

Chiesa di Cannuzzo

Madonna degli Angeli . All'interno, un affresco del '500
Fallegt útsýni

La bella Ciclovia del Savio

Á

Fiume Savio

di nuovo si piega
Fallegt útsýni

Ansa

Qui la ciclovia taglia e non segue l'ansa
Brú

Ponte di Castiglione

Divide C. di Ravenna da quello di Cervia. Più a valle si ripeterà la scena con Savio di Ravenna e Savio di Cervia divisi dal fiume
Gatnamót

Intersezione - a destra

Scendiamo in paese
Minnisvarði

Monumento ai partigiani

Castiglione di Cervia
Helgur staður

Chiesa di Castiglione di Cervia

La Chiesa, dedicata a Sant'Antonio Abate, è recente (1902) ma custodisce alcuni gioielli. Il crocifisso ligneo nella piccola cappella a sinistra è del '500, l'organo è del 1640
Fallegt útsýni

Castiglione di Ravenna da quello di Cervia

Fallegt útsýni

Le grandi strutture di Castiglione

La chiesa, il palazzo Grossi, gli essiccatoi
Á

Scolo Valle Felici

Nell'inesausta opera di bonifica di queste zone, questo canale ebbe un ruolo chiave
Foss

Chiusa mobile di Castiglione

Il Savio ha un decorso molto ineguale e bisogna tenerlo sotto controllo
Fallegt útsýni

Il Bosco da lontano

Una striscia di un chilometro
Almenningsgarður

Bosco del Duca d'Altemps

Creato nel 1984 per difendere le farnie secolari ha visto poi crescere molte specie spontanee, come aceri e olmi. Numerosi cartelli
Gróður

Farnia secolare

E' questo il loro territorio
Á

Fiume Savio

Torniamo a goderci il fiume
Fallegt útsýni

Fiume Savio

e sullo sfondo gli edifici
Fornleifasvæði

Archeologia industriale - Gli essiccatoi

Un tempo usati per il tabacco, belle strutture ben conservate
Fallegt útsýni

Panorama dal ponte pedonale

Helgur staður

Chiesa di Castiglione di Ravenna

Dedicata a San Pantaleone, protettore della località, ha un bell'organo nell'abside
Minnisvarði

Palazzo Grossi

La vera star del cammino. Palazzo Grossi Rasponi del 1560, costruito su una struttura precedente, il Castello Leone del XII. Imponente e ben conservato
Fornleifasvæði

Gli Essiccatoi

Minnisvarði

Casa Lovatelli

Ma soprattutto la Torre dei Polentani, risalenti al secolo di Dante

Athugasemdir

    You can or this trail