prdemi95
3 3 12

Hnit 185

Uploaded 3. júní 2015

-
-
421 m
285 m
0
3,8
7,7
15,35 km

Skoðað 307sinnum, niðurhalað 7 sinni

nálægt Armetta, Lazio (Italia)

Sacred architecture

Piazza San Rocco

Uno dei luoghi storici più importanti di Frascati, Piazza San Rocco è caratterizzata da una bellissima fontana posizionata centralmente e dalla Chiesa di San Rocco, la più antica chiesa della città. La piazza è un meraviglioso scorcio cittadino amato e visitato da turisti e visitatori, che la sera si anima lasciando spazio ai giovani.
Sacred architecture

Piazza San Pietro

La chiesa, che si affaccia sulla Piazza omonima, fu edificata nel Seicento da C.Rainaldi e P.De Rocchi. La facciata del 1700, miracolosamente salvatasi dal bombardamento della Seconda Guerra mondiale, è opera del Fontana, sepolto proprio qui. Sul portale centrale spicca l'altorilievo realizzato dal Cametti, e due ordini di semicolonne scandiscono e dividono la facciata. I campanili laterali non appartengono al progetto originale, al contrario delle nicchie in cui trovano posto le statue: il tutto contribuisce a rendere la chiesa ancora più solenne.
Kastali

Villa Aldobrandini

La villa è circondata da un magnifico parco, in cui trovano posto esemplari secolari di platani, lecci e pini, ed è a pieno titolo il simbolo di quelle aristocratiche costruzioni, che dal 1500 vennero innalzate nel territorio. Fu edificata da monsignor Alessandro Rufini nel 1550 e passò sotto diversi proprietari fino a quando, il 5 novembre del 1598, Pietro Aldobrandini riuscì ad acquistarla dalla Camera Apostolica. L'architetto Giacomo Della Porta fu incaricato di ristrutturare il tutto, per renderlo ancora di più un palazzo di rappresentanza. Alla sua morte, però, il progetto fu abbandonato, la costruzione demolita e venne edificato un nuovo palazzo su vari livelli. Il bombardamento del 1943 causò gravi danni alla villa, che venne pertanto restaurata per conto di Clemente Aldobrandini.
Park

Villa Torlonia

Villa Torlonia fu edificata a partire dalla "vignetta" in cui, nel 1563, Annibal Caro si ritirò per dedicarsi alla traduzione dell'Eneide. Il fondo venne poi trasformato in un sontuoso edificio del cardinale Scipione Borghese, che l'acquisto nel 1607. Maderno,Ponzio e Fontana si occuparono della realizzazione di nuove fontane e dell'acquedotto per l'alimentazione. Passata nelle mani di Ludovico Ludovisi, la villa continuò a subire modifiche da parte del Fontana che terminò il teatro d'acqua e il relativo ninfeo. Il palazzo fu raso al suolo nel bombardamento dell' 8 settembre 1943 e fu sostituito da un palazzo moderno tuttora presente. Da una peschiera più grande si diramano fontane minori e cascate che defluiscono in un ampio bacino posto di fronte al ninfeo, circondato da una fitta vegetazione.
Sacred architecture

Abbazia di San Nilo

Intorno alla Chiesa della Santissima Vergine è stato costruito il monastero, prima in piccole dimensioni, poi nei secoli sempre più ampliato. Di fronte alla Chiesa stessa, vi è il Laboratorio di restauro dei manoscritti antichi; a sinistra e alle spalle un complesso di edifici per l’abitazione dei monaci, dei novizi e la biblioteca. Qui da mille anni i monaci di San Nilo vivono la loro vita di preghiera, di studio e di lavoro. Ma la loro esistenza non sempre è stata tranquilla. Fin dalla fondazione, l’importanza della posizione geografica della Badia e la fertilità dei suoi terreni, però, attirarono su di essa l’interesse e la cupidigia di uomini d’arme e pertanto l'abbazia fu più volte sconvolta da attacchi violenti.
Sacred architecture

Basilica della SS. Vergine

Il santuario, ha subito nei secoli varie modifiche strutturali. L’esterno è stato restaurato nel 1910: è in stile romanico, mentre la muratura è in blocchetti di pietra squadrata, inframmezzata da linee trasversali più scure. Le cornici e i fregi sono in laterizi. Una serie di archetti penduli, sostenuti da lesene e blocchetti di marmo, decora tutte le pareti esterne; fra essi, varie finestre chiuse da lastre di marmo traforate facevano filtrare all'interno una luce mistica. Nella parte superiore della facciata una serie di archetti gotici resta a ricordare le modifiche subite, mentre al centro si nota un bel rosone di marmo.Davanti alla chiesa fu eretta in epoca posteriore una fontana liturgica, a forma di tempietto gotico. Qui il 6 gennaio si svolge il rito solenne della benedizione delle acque, in ricordo del battesimo di Cristo nel fiume Giordano.
Park

Villa Desideri

Villa Desideri, dal cognome degli ultimi proprietari privati, è un importante parco pubblico a Marino. Un tempo l'edificio centrale serviva da residenza della famiglia Colonna, ma oggi è sede della Biblioteca Comunale "Vittoria Colonna", la più importante biblioteca dell'area dei Castelli Romani. Realizzata sul finire del Seicento, la villa oggi ospita anche una struttura polifunzionale nota ai marinesi come "Scattolone", spazio espositivo e sala conferenze.
Sacred architecture

Chiesa della SS. Trinità

Sede della seconda parrocchia per numero di fedeli del centro storico, la chiesa della Santissima Trinità è particolarmente nota per la venerata immagine miracolosa del Santissimo Crocifisso di Marino. La struttura fu costruita dalla congregazione dei Chierici Regolari Minori fra il 1635 e il 1636 fuori dalle mura basso-medioevali del castello. A essi subentrarono i religiosi della congregazione dei Padre della Dottrina Cristiana, che gestirono la chiesa fino al 1870. Nel 1920, il marchese Fumasoni-Biondi fece restaurare la chiesa che, più tardi, divenne proprietà diocesana e parrocchia.
Krossgötum

Piazza Matteotti

Piazza storica di Marino, Piazza Matteotti ospita le torri rotonde della Rocca Frangipane, il Palazzo Capri e la famosa fontana dei Quattro Mori. Questa fu protagonista del "miracolo delle fontane che danno vino" durante la caratteristica Sagra dell'Uva del 1925 e ogni anno il miracolo si ripete in quella occasione. In età romana, sotto la piazza, vi era una cisterna idrica che riforniva la città ma, più tardi, con l'espansione urbanistica, fu edificata la Rocca Frangipane, primo fortilizio di Marino. Questa dominava l'accesso a Marino tramite la via Maremmana, ovvero in direzione di Grottaferrata, Frascati, Albano Laziale e fu più tardi sostituita dalla Rocca Orsini.
Sacred architecture

Piazza di San Barnaba

La basilica di San Barnaba Apostolo è il principale luogo di culto cattolico della città di Marino e fu costruita per devozione della famiglia Colonna. Dapprima sede della venerabile arciconfraternità del Gonfalone di Marino, la basilica fu il più importante capitolo della diocesi insieme a quello della collegiata di Santa Maria Assunta ad Ariccia. La prima pietra fu posata nel 1640 e i lavori terminarono 15 anni dopo. L'interno risulta particolarmente disadorno di elementi decorativi e la facciata risale al XVII secolo. La fontana del Tritone situata sulla piazza fu commissionata dal comune allo scultore Tripisciano nel 1889 ed è realizzata in travertino.
Waypoint

Palazzo Colonna

Attuale sede del municipio di Marino, Palazzo Colonna fu edificato verso la prima metà del sedicesimo secolo e sorge sull'area dove, in origine, vi era la Rocca Orsini. Il feudo di Marino era preso, infatti, molto d'assedio e per questo fu necessario edificare una rocca più resistente rispetto a quella dei Frangipane. Il feudo di Marino divenne dei Colonna nel 1217, per la somma di 12000 fiorini e Ascanio Colonna nel 1532 iniziò a trasformare la vecchia Rocca Orsini in palazzo nobiliare di famiglia. L'imponente edificio venne costruito in varie riprese fino al 1620 e a queste partecipò anche il Bramante.
Lake

Lago di Castel Gandolfo

Il lago Albano, noto anche con il nome di lago di Castel Gandolfo costituisce dal punto di vista ambientale un microcosmo isolato dal paesaggio circostante. Esso possiede una struttura particolare rispetto agli altri laghi di origine vulcanica: infatti, presenta la forma di un ovale allungato, con pendii ripidissimi sul versante meridionale, e più dolci a settentrione. Pur essendo stato costruito un emissario artificiale in antichità, come tutti i laghi vulcanici, il lago di Albano non dispone di fiumi immissari o emissari attivi, che possano garantire un consistente ricambio idrico. Il lago, per questo, riceve acqua solo dalle piogge e da sorgenti sottolacustri.

Athugasemdir

    You can or this trail