Tími  4 klukkustundir 19 mínútur

Hnit 1774

Uploaded 23. október 2018

Recorded október 2018

-
-
2.168 m
1.285 m
0
1,8
3,5
7,09 km

Skoðað 155sinnum, niðurhalað 7 sinni

nálægt Piani Resinelli II, Lombardia (Italia)

La Grigna Meridionale (2184 m), meglio conosciuta come Grignetta, offre tanti sentieri tra i quali il più semplice per raggiungere la vetta è la Cresta Cermenati.
Nonostante sia il più semplice e non particolarmente esposto l’attenzione e la concentrazione non devono mai mancare durante la salita.
Per salire in Grignetta si parte dal parcheggio dei Piani Resinelli per Via Carlo Mauri e subito dopo a sinistra per Via Privata Galbussera. (1282 m) Si sale subito per la stradetta asfaltata e, dopo 750 m, si prende a sinistra per una traccia che “taglia” attraverso un bel bosco di faggi, per raccordarsi col sentiero che parte dal rifugio Carlo Porta.
Appena usciti dal bosco appare la Grignetta appare ai nostri occhi e, subito dopo, ci si trova ad un crocevia da cui partono diversi sentieri. (1500 m)
Si prosegue diritto per la Cresta Cermenati. Il primo tratto è decisamente ripido e attrezzato con una catena, per poi procedere con una pendenza costante per roccette. Il sentiero è abbastanza ampio e evidente quindi facilmente percorribile per entrambi i versi. Una volta superato il raccordo per la Cresta Sinigallia (1745 m) si continua fino a raggiungere lo sbocco del canalone Caimi.
Qui la pendenza diventa meno sostenuta, ma subito dopo la salita riprende decisa.
Poco dopo si incrocia il raccordo con il sentiero Cecilia, che collega il Rifugio Rosalba alla vetta, (2055 m) dove si possono ammirare i torrioni con le pareti calcaree che hanno visto i più grandi alpinisti come Riccardo Cassin, Walter Bonatti e Carlo Mauri.
Passato il sentiero Cecilia, si entra in un ripido canalone dove, con l’ausilio di catene nel tratto finale, si giunge direttamente in cima alla montagna, dove si trova la croce di vetta e anche il Bivacco Ferrario. (2184 m)
Da qui si hanno viste uniche sul lago di Como, i laghi Briantei e tutte le Prealpi Orobie fino alle Alpi.
Per il ritorno si è deciso di scendere dalla cresta Sinigaglia, considerata di livello EE per chi sale, per cui non consigliabile per chi vuole ritornare. Infatti si presenta subito un salto di circa 10 metri diviso in due, decisamente ripido ed esposto ma sempre accompagnato da catene e comunque con numerosi appigli e appoggi. Da qui una catena fissa aiuta a risalire un breve canaletto che porta su di uno zucco roccioso, (2140 m) che viene subito ridisceso con una prima rampa ripida ed una seconda meno ripida fino allo sbocco del Canalino Federazione. (2123 m) Qui finisce il tratto più impegnativo. La discesa continua con un sul versante meridionale, con l’aiuto di una fune metallica con guaina un po' vecchia che agevola un tratto. Si continua facilmente verso Est in cresta per un centinaio di metri fino alla Bocchetta dei Venti (2065 m) dove si può fare una breve e facile deviazione verso destra per raggiungere la vetta del Torrione Magnaghi Settentrionale. (2078 m) Per proseguire quest’ultimo va aggirato a sinistra, dal lato Nord, passando una paretina con un breve traverso su staffe di ferro e fune metallica fissa. Questo passaggio è noto come Saltino del Gatto. (2045 m) Ora il sentiero scende ripido e meno sassoso, (fare attenzione in alcuni punti dove il sentiero è franato) in mezzo ai prati, sul lato sinistro del Canalone Porta. Più in basso si incrocia il sentiero che, da destra, sale dalla Costa Cermenati (1990 m) oltrepassandolo e continuando in forte pendenza la discesa. I paesaggi diventano meravigliosi, con le tipiche guglie e torioni che rendono la Grignetta così unica nel suo genere. A circa metà percorso il sentiero spiana per pochi metri portandosi in cima a un canalino che deve scendere con non poche difficoltà per colpa delle pendenze molto elevate e per il fondo sassoso e scivoloso. Giunti al fondo, il sentiero attraversa il torrente Grigna (1409 m) superando il canalone per portarsi alla destra idrografica e proseguire, poco battuto, parallelo a monte della strada Via Carlo Mauri. Raggiunta la strada si svolta a destra per raggiungere d’apprima il Rifugio Soldanella (1353 m) e dopo il parcheggio dei Piani Resinelli. (1282 m)
Monte Campione 2149m
Torrione Magnaghi Settentrionale 2078m

Athugasemdir

    You can or this trail